Queste varietà di cannabis hanno sviluppato particolari caratteri di fioritura

 Queste piante sono più basse e non potrete controllare il periodo vegetativo per fare in modo che le piante si ingrossino e "riempiano" tutto lo spazio destinato alla crescita prima della fioritura. In ogni caso la pianta di ruderalis, dalla quale discendono le cannabis droga leggera varietà autofiorenti, produce meno cime rispetto a una varietà di sativa di indica. Alcune delle varietà autofiorenti nane, che arrivano a fioritura all'incirca in 60 giorni, produrranno in genere meno di 30 grammi per pianta. D'altra parte però, tutto questo sta cambiando negli ultimi tempi con l'introduzione.

I semi autofiorenti / automatici femminizzati ereditano il carattere auto fiorente dalle piante di tipo Ruderalis (Cannabis Ruderalis), che provengono da zone fredde dell'Europa dell'Est (Ungheria, Siberia Meridionale, Russia) e dell'Asia Centrale, dove il clima – soprattutto il freddo e la neve – portano a soli tre quattro semi marjuana mesi di condizioni favorevoli in cui le piante possono crescere e riprodursi ogni anno. Di conseguenza, queste varietà hanno sviluppato particolari caratteri di adattamento per fiorire e produrre i loro semi nel breve periodo di tempo a loro disposizione, perpetuando le specie anche in ambienti così inospitali.

La percentuale di fertilizzante andrà cambiata perché in questa fase le piante avranno bisogno di fosforo e potassio (cenere di legno). Seconda fase di crescita, sostanze nutrienti sono necessari diversi in momenti diversi.

Un contenitore di almeno 7 litri può bastare per tutto il ciclo di sviluppo della pianta, in caso di necessità possiamo trapiantare in uno più grande, 11-13 litri, nella fase di fioritura. Moltissimi coltivatori di semi marijuana femminizzati, inoltre, continuano a somministrare alle piante dei fertilizzanti per la crescita anche nella prima nella seconda settimana della fase di fioritura, in quanto si tratta di una specie di periodo transitorio e le piante hanno ancora un grande fabbisogno di azoto e di altri mattoncini fondamentali per sostenere uno sviluppo rapido. Per questa operazione di coltivazione abbiamo utilizzato esclusivamente dei nutrimenti Plagron; certe marche impiegano un unico flacone che può essere dosato sia per preparare del fertilizzante per la crescita, sia per fare del nutrimento per la fioritura, mentre altre producono fertilizzanti distinti per la crescita e la fioritura.

Anche se la crescita in altezza di una pianta puo essere facilmente inibita con 2 metodi, il primo si tratta di praticare un taglio sulla gemma apicale per favorire la divisione in 2 del fusto, e continuando cosi fino a forzare la generazione di un cespuglio, oppure tenere la lampada vicina, la pianta cresce molto meno e evita quello che in gergo tecnico viene chiamato “stretching” ovvero l’allungamento per la ricerca della luce. Dunque il DWC è non è molto piu complicato rispetto alla cultura in tubo come costruzione, passo direttamente a farvi vedere qualche schema. La concimazione consiste nell’apportare del letame maturo durante la preparazione del letto di semina, negli anni successivi si somministrano l’azoto alla ripresa vegetativa, mentre fosforo e potassio vengono distribuiti a fine inverno.

È bene moderare la raccolta a un paio di asparagi per pianta nei primi 2 anni per permettere alle zampe di ampliare l’apparato radicale. Le operazioni di preparazione della materia prima iniziano subito dopo il momento del taglio e costituiscono una fase di estrema importanza per la resa e la qualità finale del principio attivo contenuto nel prodotto. In quanto linee guida di riferimento per la coltivazione delle piante officinali, le GAP forniscono indicazioni generali ma anche abbastanza precise, relative alle scelte da prendere nella fase di impostazione aziendale.

Uno dei vantaggi di coltivare l’ortica da fibra risiede nel fatto che è in grado di prosperare su suoli azotati e troppo ricchi di nutrienti. Nel caso della coltivazione dell’ortica, il suolo dovrebbe essere ricco di nutrienti e dovrebbero sussistere le giuste condizioni climatiche (ad esempio, precipitazioni sufficienti durante il periodo principale di crescita). Nella coltivazione dell’ortica da fibra la purezza varietale di una coltura omogenea può ottenersi solo attraverso la propagazione vegetativa, piantando delle talee.

Recentemente si è notato un rinnovato interesse per le fibre naturali, per cui la coltivazione in Europa è cresciuta fino a 10.000 Ha/anno, e dal momento che il regolamento sulla coltivazione delle specie venne rilasciato, nel 1993, la superficie investita si è accresciuta in modo stabile.

Comments are closed.